Tuesday, May 23, 2017

"The one and only..."


A dispetto della tiepida accoglienza in quel di Cannes...
A dispetto delle polemiche scaturite dal portare in concorso un film destinato ad una piattaforma streaming piuttosto che alla canonica distribuzione in sala...
Okja rimane uno degli hype di questa stagione ed il 28 giugno prossimo non è poi così lontano.

Friday, May 19, 2017

CINE20 - 274^ PUNTATA


Uscite selezionatissime in sala questa settiamana e in perfetto accordo con il buon Kusa ci sentiamo di consigliare Get Out, 7 Minuti dopo mezzanotte e Sicilian Ghost Story.
Nei negozi arrivano le edizioni home video dell'ultimo film di Shyamalan, Split.
Leggeteci online qui.

Friday, May 12, 2017

CINE20 - 273^ PUNTATA


Arriviamo in ritado su tutti ma non potevamo esimerci dal parlare dell'ottimo Guardiani della Galassia vol. 2
Anche perchè, insieme al buon Kusa, non ci sembra che le uscite in sala della settimana siano così entusiasmanti: si segnalano comunque Alien Covenant di Ridley Scott, King Arthur di Guy Ritchie e Song to Song di Terrence Malick.
Online qui.

Friday, May 05, 2017

CINE20 - 272^ PUNTATA


Puntata sottotono per CINE20 come potrete ben vedere dalla selezione di uscite proposta dal sottoscritto e dal buon Kusa.
Interessante invece la sezione homevideo dove consigliamo la nuova edizione limitata di Mine, completa su tutti i versanti rispetto alla precedente.
Online qui.

Friday, April 21, 2017

CINE20 - 271^ PUNTATA


CINE20 si prende una piccolissima pausa ma torneremo puntuali per la prima settimana di maggio.
Inutile dire che le uscite dei prossimi 14 giorni, in accordo con il buon Kusa, saranno guidate dal nuovo e attesissimo cinecomics targato Marvel, Guardiani della Galassia vol. 2.
Questa e le altre uscite le potete trovare online qui.

Wednesday, April 19, 2017

"This is life, Conor. Drive it like you stole it."


Non c'è niente da fare.
Come per Once, il regista John Carney riesce a far andare perfettamente a braccetto cinema e musica.
Il folk del film d'esordio lascia qui spazio al pop della prima metà degli anni '80 per raccontare la storia di un ragazzo che si innamora di una ragazza e, per impressionarla, mette insieme una band e le chiede di partecipare alla realizzazioen del loro videoclip.
Ma Sing Street è anche uno straordinario viaggio nel tempo musicale, un racconto di crescita e formazione in una cattolicissima scuola di Dublino dove un gruppo di giovani cerca la propria identità attraverso la musica.

Thursday, April 13, 2017

CINE20 - 270^ PUNTATA


E infine ci siamo arrivati anche noi: questo 270° appuntamento di CINE20 si apre con la recensione sul tanto discusso Ghost in the Shell, al momento uno dei capitoli più tristi e irritanti di questa stagione cinematografica.
Ma per fortuna possiamo distrarci con le nuove uscite dove, con il buon Kusa, vi consigliamo il nuovo film di Assayas, Personal Shopper, ma anche l'ottavo capitolo di Fast & Furious.
Chiudiamo con l'home video parlando del titolo del mese, Rogue One A Star Wars Story.
Online qui.

Friday, April 07, 2017

CINE20 - 269^ PUNTATA


In questa settimana di uscite cinematografiche segnaliamo "Libere, dosobbedienti, Innamorate", "La meccanica delle ombre" e, perchè no, anche i "Power Rangers".
In sede di recensione, il buon Kusa esamina la commedia 17 Anni (e come uscirne vivi). Eh no, niente Ghost in the Shell (per adesso).
Online qui.

Wednesday, April 05, 2017

Get the board...AGAIN!!!


Pare impossibile da credere ma dopo il terrificante Ouija (e non perchè facesse paura ma perchè trattasi di pura monnezza) il (possibile) franchise horror ispirato dall'omonima tavoletta della Hasbro, rinasce con il suo sequel che in realtà è un prequel ambientato nella seconda metà degli anni '60.
Diretto da Mike Flanaghan, uno che con le pellicole di genere ha le idee più chiare di molti suoi colleghi, Ouija l'origine del male è un film con una sua personalità e che racconta in maniera convincente di come l'orrore attechisce nelle difficoltà quotidiane di una donna rimasta sola a crescere le due figlie mentre prova ad elabore il lutto per la perdita del marito.
Straordinaria la giovane Lulu Wilson, senza dubbio valore aggiunto di un film da non sottovalutare.

VOTO:

Friday, March 31, 2017

CINE20 - 268^ PUNTATA


In questo nuovo appuntamento con CINE20 sarete come noi testimoni dell'arrivo in sala del live action Made in USA di Ghost in the Shell. Con il buon Kusa però vi forniamo anche delle alternative con la commedia 17 Anni o il thriller spagnolo La Vendetta di un uomo tranquillo.
In apertura, per tutti gli amanti dell'action, recensiamo John Wick - Capitolo 2.
Siamo online qui.

Wednesday, March 29, 2017

Bentornato John!


"Mi dica John, è qui per il Santo Padre?" 

Probabilmente se ne parlerà in maniera più approfondita su CINE20 ma è bene chiarire subito che John Wick capitolo 2 non delude le aspettative e riesce anche a farti digerire il fatto che Scamarcio si sia doppiato nella versione italiana.

La recensione su CINE20!!!

VOTO:

Monday, March 27, 2017

Get the board!


La cosa che più fa paura di Ouija di Stiles White è il nulla assoluto di cui è composto, un buco nero del peggio della cinematografia di genere che inghiotte senza pietà un'ora e mezza della vostra vita.
Un teen movie in salsa horror che come da manuale trasforma i protagonisti in vittime sacrificate al Male di turno per il quale non si può che parteggiare.

VOTO:

Thursday, March 23, 2017

CINE20 - 267^ PUNTATA


Apriamo la rubrica questa settimana parlando di serie tv perchè abbiamo visto Iron Fist e ci ha molto deluso.
Con il buon Kusa esaminiamo invece cosa ci aspetta in sala per i prossimi sette giorni e parte la fantascienza di Life, l'unico titolo degno di attenzione è Elle di Paul Verhoeven.
Online qui.

Tuesday, March 21, 2017

Shadows of war


In Under the Shadow (L'ombra della paura è il titolo italiano con il quale lo trovate su Netflix) è davvero difficile capire cosa fa più paura, se le bombe che piovono dal cielo, la Rivoluzione Culturale o i Jinn che tormentano la famiglia protagonista, ma sopratutto Shideh che a causa del suo attivismo non può più frequentare l'università e che ora rischia di perdere anche il legame con la figlia.
Come il miglior ciname horror insegna, Babak Anvari ci racconta attraverso il genere il terribile spaccato politico e sociale di una Theran nel pieno del conflitto tra Iran e Iraq, visto attraverso gli occhi di una giovane donna nella disperata lotta per rimanere aggrappata agli ultimi barlumi di libertà e indipendenza che gli sono rimasti.

VOTO:

Friday, March 17, 2017

CINE20 - 266^ PUNTATA


Pur con tutti i suoi limiti Kong: Skull Island sa come intrattenere e ve ne parliamo in apertura. Con il buon Kusa poi diamo un'occhiata alle uscite settimanali in sala segnata dal live action Disney de La Bella e La Bestia ma sopratutto dall'attesissimo ritorno di John Wick.
Leggeteci online qui.

Tuesday, March 14, 2017

Charlize ATOMICA!!!





Cosa ci insegna il trailer di Atomic Blonde?

1) che il cinema action di menare ha bisogno di più protagoniste femminili;

2) come usare in un trailer una canzone dei Queen. #suicidesquadsucaforte

3) che la prossima estate sarà sempre troppo lontana.

Friday, March 10, 2017

CINE20 - 265^ PUNTATA


Il nuovo appuntamento con CINE20 non poteva che aprirsi con la recensione dedicata all'ottimo Logan di James Mangold.
Insieme al buon Kusa poi esaminiamo le uscite della settimana dove consigliamo Il Diritto di Contare e Kong: Skull Island, pellicola che apre una nuova stagione dei mostri grossi al cinema.
Nei negozi sono già disponibili invece le edizioni home video di Doctor Strange.
Online qui.

Monday, March 06, 2017

La terza volta di Ip


Ricordo ancora l'entusiasmo dopo la visione del primo Ip Man di Wilson Yip. Tante belle mazzate che mettevano in secondo piano la ricamata celebrazione dei valori cinesi contro la brutalità nuda e cruda dei conquistatori giapponesi.
Poi arrivò Ip Man 2 e non bastò la presenza di Sammo Hung a coprire il ritratto macchiettistico dei coloni inglesi e l'aspetto biografico trattato con superficilità e per buona parte inventato.
Con Ip Man 3 le cose non migliorano di certo, anzi. Biograficamente non si poteva correggere gli errori compiuti con il film precedente quindi lasciamo pure perdere. La storia è per lo più irrilevante, dagli sviluppi prevedibili e la presenza di Mike Tyson fa sorridere da quanto è fuori luogo. Se non fosse per la regia di Yip anche le sequenze di lotta apparirebbero più svogliate di quanto effettivamente lo siano, forse anche perchè Donnie Yen recitava con la testa rivolta a Hollywood.

(*) VOTO:

(*) Similmente a quanto fatto per le pellicole di genere horror, inauguriamo con questo post il sistema di valutazione "Mani in faccia" per giudicare in maniera semplice ed immediata i film di menare che qui ci piacciono assai.

Friday, March 03, 2017

CINE20 - 264^ PUNTATA


Nella settimana di Logan tutti in silenzio a lustrargli scarpe e artigli. Si, si, prorpio tutti, anche Ozpetek, non scherziamo.
Online qui.

Wednesday, March 01, 2017

Back to its (Resident) EVIL roots


La Capcom fa le cose per bene e riporta la saga di Resident Evil (Biohazard in Giappone) a livelli e fasti che non raggiungeva più da troppo tempo e anzi, vista la svolta "shooter" degli ultimi capitoli, forse parevano pure perduti per sempre.
Per questo settimo capitolo del franchise si recupera l'eredità del passato (tanti dettagli ed elementi storici di gameplay) e si fa buon uso di quanto insegnato da altri titoli horror moderni (si pensi alla demo P.T. o Outlast) per portare la più grossa rivoluzione nella saga: la visuale in prima persona.
Scelta che ha fatto storcere il naso ai purisiti ma che si è rivelata totalmente vincente nel restituire al giocatore un'esperienza immersiva impressionante dandogli finalmente il ruolo di protagonista. Capcom si scrolla coraggiosamente di dosso il peso di personaggi iconici che si alternano ormai da vent'anni (Chris, Jill, Leon o Claire) e ci fa impersonare un uomo qualunque che, nella speranza di ritrovare la moglie scomparsa da tre anni, finisce in una fattoria sperduta tra le paludi della Louisiana nelle mani di una famiglia poco rassicurante.
Ma è anche un capitolo estremamente cinefilo che cita in più occasioni il cinema di genere: si va da "La Casa" di Raimi nella fase iniziale, passando per una cena in famiglia degna de "Non aprite quella porta" di Hopper, fino ad una sezione degna di James Wan e del suo "Saw".
Al di la dei cambiamenti, dei riferimenti e delle sensazioni che può aver trasmesso la demo (Beginnin hours) che ha anticipato l'uscita del gioco (svolta sovrannaturale? Ma quando mai!) questo è un Resident Evil a tutti gli effetti con una storia che si dipanerà mano a mano che ci si addentrerà sempre più a fondo nell'incubo che ha inghiottito i Baker e la loro casa.

Monday, February 27, 2017

Più Cenobiti per tutti!


Il piacere attraverso il dolore. Nuova vita attraverso la morte. Il sangue e la carne al centro di tutto. L'immaginario di Cive Barker (che ha largamente ispirato anche il mangaka Kentaro Miura per la "Mano di Dio" del suo Berserk) si rversa in Hellriser, primo capitolo di una saga lunga nove film da lui scritto e diretto adattando un suo stesso racconto.
Un trionfo dell'artigianalità e del low budget in un periodo in cui la CG era una chimera e i soldi pochissimi. Ma l'effetto era realizzato "a mano" con risultati che ancora oggi si difendono egregiamente.
Peccato che il film si perda nel finale, frettoloso nel dare il ben servito ai Cenobiti che entrano in scena troppo tardi e per troppo poco.

VOTO:

Friday, February 24, 2017

CINE20 - 263^ PUNTATA


Nella settimana di Jackie, con il buon Kusa vi consigliamo anche Barriere mentre ci lasciano indifferenti il ritorno di Danny Boyle con il seguito Trainspotting e The Great Wall di Zhang Yimou.
Online qui.

Friday, February 17, 2017

CINE20 - 262^ PUNTATA


In ritardo come pochi altri abbiamo visto La La Land e ne parliamo in apertura, mentre nella sezione dedicata alle uscite in sala, con il buon Kusa,ci sentiamo di consigliare due film in corsa per le statuette dell'Academy, Manchester by the Sea e Moonlight.
Potete leggerci online qui.

Thursday, February 09, 2017

CINE20 - 261^ PUNTATA


Quanti romanticoni la fuori aspettavano San Valentino per vedere 50 Sfumature di Nero? Poco ci importa perchè tanto, con il buon Kusa, non lo consigliamo di certo. Vi segnaliamo invece il divertente Lego Batman e il bel documentario Life Animated.
Online qui.

Tuesday, February 07, 2017

Bei fumetti, edizioni discutibili.

Leggo fumetti Marvel da più di vent'anni e seguo in maniera saltuaria quelli della Distinta Concorrenza, magari preferendo l'acquisto di cicli di storie in volume piuttosto che seguire le uscite regolari. O meglio ancora, se capita qualche bella raccolta da seguire in edicola, perchè no, approfitto anche di quella. Ultima in ordine di tempo è quella promossa dalla Eaglemoss in collaborazione con la RW Lion che attualmente detiene i diritti di pubblicazione per l'italia di Superman, Batman ecc.
L'opera completa proposta dall'editore è a dir poco impegnativa: 60 uscite settimanali, più speciali, che vanno ad esplorare quasi a 360° l'universo fumettistico DC proponendo storie della prima decade del 2000 e qualcosa anche di più datato.
Le storie sono di livello alto (parliamo di autori quali Mark Waid o Grant Morrison) corredate da una parte editoriale che introduce personaggi, autori e colloca cronologicamente le storie nella complessa continuity DC. I volumi sono di pregevole fattura, rilegati e con copertina rigida, ad un prezzo tutto sommato in linea con uscite simili da libreria.
Ma. Si, c'è un "ma". Purtroppo infatti, a fronte di innegabili pregi, le uscite sono inficiate da difetti derivanti da un controllo scarso, o forse del tutto assente, sulle versioni da mandare in stampa. Leggerezza ingiustificabile (dopotutto non sono mica gratis) che si è tradotta in errori di battitura nelle sezioni redazionali o in baloon privi di dialogo nelle vignette. La cosa più grave è che questo non si è verificato una tantum ma in tutti e 18 i volumi pubblicati fino ad ora.
Peccato davvero, sopratutto per quei lettori che, come me, credono ancora che valga la pena investire nel fumetto.

Friday, February 03, 2017

CINE20 - 260^ PUNTATA


Convince Split, un po' meno Arrival. Le recensioni, mia e del buon Kusa, le trovate in apertura mentre in sala ci stuzzica la curiosità solo il sequel di Smetto Quando Voglio. O magari vi recuperate qualcosa che non avete ancora visto, tipo La La Land, eh.
Online qui.

Friday, January 27, 2017

CINE20 - 259^ PUNTATA


Questa settimana apriamo con una delle prime delusioni di questo 2017, Your Name di Makoto Shinkai. Per fortuna in sala arrivano due titoli molto attesi, come confermato anche dal buon Kusa, La La Land di Damien Chazel e Split di M. Night Shyamalan.
Online qui.

Wednesday, January 25, 2017

Dimentica il Suo Nome


E da dopo la visione che ci penso e forse, prima di scriverne probabilmente su CINE20, è meglio che lo faccio qui:
Your Name non è il capolavoro di cui tutti parlano.
Makoto Shinkai non è l'erede di Miyazaki (o almeno, non ancora).
L'autore di 5 cm al secondo, Il Viaggio verso Agartha e Il Giardino delle Parole ha sufficiente onestà intellettuale di ammettere i limiti della sua opera e del suo talento, a dispetto degli incassi record registrati in Giappone.
Sarà forse colpa del cinismo in fase terminale di cui sono affetto, ma non riesco ad apprezzare un film che perde di coerenza e coesione in una seconda parte dove si cerca solo la lacrima facile del pubblico.
Una maggiore cura nel tenere insieme le fila del racconto e portarlo verso la sua conclusione mi avrebbe fatto chiudere un occhio su altre ruffianate che invece ora pesano come un macigno (vogliamo parlare dei titoli di testa? Ma stiamo guardando un film o la puntata di un anime?).
Tecnicamente è semplicemente superbo, come tutti i film di Shinaki, ma per il resto non ci siamo proprio.

Friday, January 20, 2017

CINE20 - 258^ PUNTATA


Nuovo appuntamento con CINE20 e nei prossimi sette giorni, insieme al buon Kusa, ci sono due titoli che vi consigliamo caldamente: il primo è l'evento limitato a solo tre giorni per Your Name, ultima fatica di Makoto Shinkai. Il secondo è l'atteso nuovo film di Dennis Villeneuve, Arrival.
Il resto delle uscite le trovate qui.

Friday, January 13, 2017

CINE20 - 257^ PUNTATA


Rientriamo dalla lunga pausa natalizia con la recensione dell'horror iraniano Under the Shadow (già disponibile su Netflix!) ad opera del buon Kusa, e proseguiamo con le uscite in sala segnate da due grandi ritorni: Zemeckis con Allied e Scorsese con Silence. Ottima iniziativa della Cineteca di Bologna che porta in sala una doppia proiezione de Il Monello di Chaplin e Sherlock jr. di Buster Keaton.
Online qui.

Tuesday, January 10, 2017

Wii U left for dead


Lo scorso 31/12/16 ha segnato la prematura ma annunciata fine di una delle più sottovalutate console della Nintendo. La fine del 2016 infatti segna anche l' interruzione della produzione della Wii U, ma il definitivo commiato avverrà con l'uscita di Zelda Breath of the Wild, ultimo gioco previsto per questo sistema e vero e proprio passaggio di testimone con l'attesissima nuova console, la Nintendo Switch.
Ma cosa ne ha decretato un arco di vita così breve? Sicuramente c'è stato qualche grosso errore di valutazione da parte della grande N, annebbiata dal successo planetario avuto dalla precedente macchina, la Wii, che con un sistema innovativo (a livello di applicazioni nel gameplay, non certo nell'hardware) è riuscito ad allargare il bacino di utenza alle famiglie e a chi non è mai stato propriamente un gamer, continuando a sostenere l'importanza del gioco di gruppo.
Con la Wii U, pur mantenendo grazie alla retrocompatibilità le caratteristiche di successo della precedente macchina, la magia non è riuscita perchè, a fronte di passi avanti a livello di hardware (processore più potente, uscita hdmi, schermo lcd integrato nel pad) la differenza di prezzo tra la old e la new gen ha portato questa nuova utenza ha continuare a preferire il vecchio sistema Wii piuttosto che il sucessore.
Il salto generazionale poi è stato piuttosto corto (la Wii U è certamente più prestante di una PS3 o di una X-Box 360 ma non certo al passo con PS4 e X-Box One) sfavorendo la collaborazione tra Nintendo e terze parti, limitando in maniera sostanziale il software uscito per la console.
Questo non significa che giochi non ne siano stati pubblicati ma che il loro numero è estremamente limitato rispetto a quelli usciti sulle altre console. E la limitazione non ha influito sulla qualità, sul dar prova delle potenzialità del sistema e la riuscita integrazione dello schermo presente sul pad nei vari gameplay (a partire da uno dei titoli di lancio Zombie U), particolare ereditato direttamente dalle più fortunate console casalinghe, dal DS fino al New 3DS.
Quindi, se possedete la console o siete intenzionati a comprarla per aggiungerla alla vostra collezione, ecco i titoli che non dovreste lasciarvi sfuggire, rigorosamente in ordine sparso:

Yoshis's Woolly World

Captain Toad Treasure Traker

Donkey Kong Country Tropical Freeze

Hyrule Warriors

Mario Kart 8

New Super mario Bros U + New Super Luigi Bros U

Paper Mario Color Splash

Pikmin 3

Splatoon

Super Smash Bros U

Super Mario Maker

Super Mario 3D World

The Legend of Zelda Twilight Princess

The Legend of Zelda Wind Waker

Bayonetta 2

Monster Hunter 3 Ultimate

Project Zero Maiden of Dark Water

Tokyo Mirage Sessions #FE

The Wonderful 101

Xenoblade Chronicles X